Regolamento

REGOLAMENTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

 

L’allievo si impegna a partecipare all’opera educativa promossa dalla Scuola, osservando un contegno moralmente e civilmente corretto non solo nell’ambito scolastico, ma anche in altri contesti.

L’allievo porta rispetto a chiunque sia incaricato della sua educazione al personale docente e non; si chiede pertanto a ciascun alunno di usare con tutti un linguaggio ed un comportamento corretti e adeguati all’ambiente educativo.

E’ responsabilità dei genitori tenersi personalmente aggiornati sull’andamento scolastico dei propri figli facendo uso regolare delle sedi e dei mezzi istituzionali messi a disposizione dalla Scuola. La loro iniziativa in proposito non è surrogabile in alcun modo dalla scuola.

 Come in ogni società esistente, anche in quella scolastica si richiede il rispetto di regole chiare e precise, che assicurino efficienza e produttività e permettano il conseguimento degli obiettivi prefissati nel Progetto educativo, pertanto al fine di   rendere l'anno scolastico proficuo e sereno, si ritiene utile informare gli alunni e le famiglie sul regolamento adottato dal Collegio Docenti della Scuola secondaria di primo grado. L’eventuale non ottemperanza alle regole potrà avere come conseguenza provvedimenti disciplinari esposti nel seguente documento.  Il rispetto delle regole, in particolare quelle di comportamento, si intende esteso anche a incontri con esperti, conferenze o altre attività progettate all'esterno dell'istituto scolastico e pertanto anche durante le visite d'istruzione

Giustificazioni e permessi:

A norma di legge, la frequenza della scuola è obbligatoria e la mancata frequenza di almeno il 75% del monte orario di lezione comporta l’esclusione dallo scrutinio finale, con conseguente non ammissione all’anno scolastico successivo (salvo casi eccezionali per cui, sempre a norma di legge, vi possono essere deroghe).

L’obbligatorietà alla frequenza si estende anche alle attività formative e culturali organizzate dalla scuola sia in orario curricolare che extracurricolare (assemblee, incontri con esperti, conferenze, etc.).

1. L’allievo dovrà presentarsi a Scuola almeno dieci minuti prima delle lezioni.

2. Eventuali entrate o uscite fuori orario devono essere effettuate nel rispetto della scansione oraria dell’istituto al fine di non turbare il regolare funzionamento delle lezioni. I ritardatari, se non provvisti di permesso permanente per motivi di trasporto pubblico, non saranno ammessi in classe e attenderanno l’inizio dell’ora successiva in locali loro assegnati. Dovranno inoltre far giustificare il ritardo dal coordinatore didattico e il genitore responsabile firmerà per presa visione.

3. Le richieste di permesso per uscita anticipata dovranno essere presentate in segreteria studenti al mattino prima dell’inizio delle lezioni per essere autorizzate dal Coordinatore didattico. 

In tal caso gli alunni sono autorizzati a uscire da scuola solo se accompagnati da un genitore o persona da essi delegata; se autonomamente con esplicita autorizzazione scritta del genitore.

4.  I permessi permanenti di entrata in ritardo e/o uscita anticipata per motivi di trasporto pubblico vanno richiesti per iscritto sul libretto personale nell’apposita pagina indicandone gli orari di entrata e/o uscita.

5.  La giustificazione delle assenze deve esprimere con chiarezza i giorni ed il motivo dell’assenza e va presentata all’insegnante della prima ora che, in questo caso, fa le veci del Coordinatore didattico.

Libretto personale

1. L’allievo deve avere sempre con sé il libretto personale che conserverà con cura. Il libretto, nonostante l’utilizzo del registro elettronico, rimane comunque uno strumento educativo di comunicazione tra la scuola e la famiglia ed è affidato all’alunno per formarne la responsabilità.

2. I genitori quali primi educatori, oltre al registro elettronico, devono regolarmente prenderne visione e verificare l’uso corretto confrontandosi periodicamente con gli insegnanti. Le famiglie se ne serviranno per qualsiasi tipo di giustificazione o permesso e firmeranno le eventuali comunicazioni degli insegnanti. Non sono ammesse firme diverse da quella della prima pagina: ogni variazione deve essere approvata dal Preside.

3. Qualsiasi alterazione delle scritture sul libretto o asportazione di fogli, come pure la contraffazione della firma del genitore, sarà oggetto di provvedimento disciplinare.

4. L’abitudine a non avere con sé il libretto personale e/o il suo smarrimento o deterioramento, pur costituendo infrazioni meno gravi rispetto alla contraffazione o al danneggiamento del medesimo documento, sono comunque soggetti a provvedimento disciplinare. In caso di smarrimento o deterioramento del libretto, l’allievo dovrà farsi rilasciare un duplicato presentando domanda scritta al Coordinatore didattico. Il costo di detto duplicato è fissato in euro 10,00.

Comportamenti nell’ambiente scolastico

1. Ad eccezione dei docenti, degli alunni e del personale, non è consentito ad alcuno accedere alle aule e ai corridoi della scuola senza il permesso del Coordinatore didattico o di chi lo rappresenta.

2. Gli alunni non dovranno portare a scuola alcun materiale che non abbia attinenza con l’attività scolastica e/o possa distrarre dalla medesima.

E’ vietato entrare in classe con oggetti atti ad offendere. E’ mancanza grave introdurre riviste o altro materiale anche informatico contrario al rispetto della dignità della persona.

3. Gli alunni dovranno entrare al suono della prima campanella in aula (7.55) evitando di correre, spingersi ed urlare, preparare il materiale della lezione della prima unità didattica e attendere l’insegnante al proprio posto.

Durante l’attività scolastica, ogni studente deve mantenere il posto assegnato dagli insegnanti e indicato nella piantina della classe.

Durante le lezioni deve essere mantenuta una postura corretta

4. Gli allievi sono tenuti a prestare attenzione e a non disturbare compagni e insegnanti durante le attività didattiche; a portare regolarmente e tenere in ordine il materiale scolastico, a eseguire i compiti seguendo le indicazioni e i tempi dati dall’insegnante. Gli interventi in classe devono essere preceduti da richiesta all’insegnante mediante alzata di mano e devono essere pertinenti e inerenti allo svolgimento delle lezioni.

Durante le lezioni non ci si alza dal proprio posto se non dopo averne richiesto e ottenuto il permesso.

 5. L’accesso agli armadietti è consentito fino alle ore 8.00, al mattino, e fino alle ore 14.10, al pomeriggio.

Non è concesso farsi recapitare a scuola il materiale dimenticato a casa.

6. A norma di legge, in tutti gli spazi scolastici (interni ed esterni) non è consentito l’uso non autorizzato del cellulare in tutte le sue funzioni durante ogni momento di attività scolastica (lezioni, intervallo, pausa, ecc). e di qualsiasi altra tecnologia multimediale. Gli allievi consegneranno il loro cellulare al docente della prima unità oraria e verrà restituito dal docente alla fine delle attività didattiche. Per qualsiasi urgenza verrà data la possibilità allo studente di contattare telefonicamente i genitori dalla portineria.

Per coloro che dovessero utilizzare il cellulare durante l’attività didattica, si erogano le seguenti sanzioni ispirate al criterio di gradualità e alle finalità educative della scuola:

Ritiro immediato da parte del docente del cellulare, che sarà custodito in segreteria e riconsegnato al genitore al termine delle lezioni. La trasgressione verrà segnalata sul registro elettronico a cura del docente con nota che sarà firmata dai genitori.

Qualora l’alunno/a dovesse incorrere nuovamente nello stesso divieto, oltre al ritiro del cellulare e alla consegna del medesimo ai genitori, previo colloquio coi genitori all’alunno/a sarà comminata una sanzione disciplinare di sospensione dalle lezioni di uno o più giorni a seconda della gravità (15 gg. nei casi più gravi).

7. Riproduzione di immagini:

secondo le norme sulla privacy, è vietata la ripresa di immagini o filmati (con macchina fotografica, videocamera, cellulari….) senza il consenso degli insegnanti e severamente vietata, nonché passibile di denuncia,  la loro diffusione con l’intento di ridicolizzare compagni, insegnanti o l’intraprendere azioni definite con il termine di cyberbullismo. La mancata ottemperanza alle disposizioni comporterà il temporaneo ritiro dello strumento, l’eliminazione delle immagini e sanzioni disciplinari.

 La diffusione sulla rete Web, senza il consenso degli interessati e della scuola, di immagini riprese all’interno della stessa comporta grave violazione della legge sulla privacy, la quale prevede sanzioni di carattere penale, a queste si aggiungeranno altrettanto gravi sanzioni disciplinari da parte della scuola.

Uso dell’ iPad.:

a scuola, l’iPad è uno strumento destinato unicamente all’attività didattica. Durante la permanenza a scuola è vietato avere installate sull’iPad applicazioni relative a Social Network, messaggistica istantanea, giochi e quant’altro che non sia relativo all’attività didattica.

 Sono previsti provvedimenti disciplinari per il loro uso improprio durante l’orario scolastico.

 Il Coordinatore didattico e i docenti hanno la facoltà, in qualunque momento, di visionare il dispositivo e di accedere ai dati trattati dallo studente, comprese le navigazioni web e altri archivi e potranno procedere alla rimozione dei files.

Durante le uscite didattiche e i viaggi d’istruzione valgono le stesse regole. 

5. Gli studenti sono tenuti a rispettare rigorosamente le norme di sicurezza durante la permanenza a scuola.

6. Nell’istituto è fatto divieto di fumare secondo le norme vigenti.

7. Ogni alunno è tenuto ad avere un comportamento civile, rispettoso ed educato, anche nel linguaggio, nei confronti dei propri compagni, del personale docente e non docente.

Sono ritenute mancanze particolarmente gravi: l’offesa e/o la minaccia a compagni, docenti, personale ausiliario o altre persone, gli atti di sopruso o violenza verbale e/o fisica nei confronti degli altri, la tendenza alla bestemmia, al furto o alla disonestà, l’opposizione sistematica al progetto educativo. Chi, avvisato, persistesse in tali atteggiamenti, verrà sospeso e, se recidivo, potrà essere allontanato dalla scuola in qualsiasi momento dell’anno, a giudizio della direzione.

8. Gli spostamenti da un’aula all’altra devono essere effettuati con ordine senza disturbare il regolare svolgimento delle lezioni nelle altre classi e durante la ricreazione è assolutamente vietato correre e urlare nei corridoi. Al cambio dell’ora gli alunni devono rimanere composti rispettando il silenzio in classe. Durante l’intervallo delle 10.30, gli alunni dovranno uscire dall’aula rientrandovi solamente al termine della ricreazione.

9. In classe e in occasione delle uscite didattiche, gli allievi devono indossare un abbigliamento adeguato all'ambiente scolastico.

10. Gli allievi hanno il dovere di rispettare gli oggetti propri e altrui, ricordando che il patrimonio della Scuola è un bene proprio e un bene comune.

11. E’ vietato recare danno ai documenti della scuola; in quanto atti pubblici il loro danneggiamento comporta conseguenze penali per gli allievi e i loro genitori.

12. Gli studenti condividono la responsabilità di rendere accogliente l’ambiente scolastico e averne cura come importante fattore di qualità della vita della scuola. E’ vietato pertanto disperdere immondizie nell'ambiente scolastico interno ed esterno e, al termine delle lezioni, sarà cura degli allievi stessi provvedere al riordino della propria classe, raccogliendo le eventuali carte o altro dal pavimento e non lasciando alcunché sotto il proprio banco (libri, quaderni, vocabolari e ogni altro materiale).

La scuola non risponde del materiale lasciato incustodito negli ambienti scolastici.

Gli allievi sono tenuti ad utilizzare in modo corretto i servizi igienici.

13. Agli allievi è vietato consumare nelle aule bevande e/o alimenti di alcun genere. In particolari occasioni potranno chiedere ad un insegnante di essere accompagnati in mensa, dove potranno consumare gli alimenti e/o le bevande…

14. L’accesso alla sala insegnanti, alle aule-laboratorio, alla palestra e alla mensa è consentito agli allievi solo se accompagnati da un insegnante.

15. Gli studenti che si recano in mensa lasceranno i loro zaini e qualsiasi altro materiale personale ordinatamente riposti in aula.

Danneggiamenti e furti

1. In base al principio della responsabilità personale, sarà richiesto risarcimento agli alunni per danni eventualmente arrecati a persone e cose. La famiglia dell’allievo è responsabile dei danni materiali da questi causati alla scuola. I danni di cui non risulti l’autore verranno addebitati all’intera classe.

2. Gli alunni sono invitati a non portare a scuola, o a custodire con cura, denaro o oggetti personali la scuola, pur usando la massima vigilanza, non si assume alcuna responsabilità per danneggiamenti, sottrazioni o smarrimenti di capi di vestiario, di denaro o di oggetti appartenenti agli allievi.

Provvedimenti disciplinari

1. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e vengono attuati per rafforzare il senso di responsabilità dell'allievo e creare rapporti sempre più corretti all'interno della comunità scolastica. 

2. I provvedimenti disciplinari possono essere, senza necessariamente rispettarne l’ordine:

  • richiamo verbale, espresso da qualsiasi persona con responsabilità educativa.
  • richiamo ufficiale da parte del singolo docente, annotato sul registro elettronico e comunicato al Consiglio di Classe;
  • richiamo ufficiale da parte del Consiglio di Classe con comunicazione scritta alla famiglia ed eventuale convocazione a scuola dei genitori;
  • esclusione da attività integrative (intervallo, gare sportive, visite e viaggi di istruzione);
  • sospensione dalle lezioni temporanea o definitiva in riferimento all'anno scolastico in corso, su proposta del Consiglio di Classe, da parte della Direzione della scuola.
  • risarcimento o riparazione dei danni materiali arrecati.

Si considera situazione aggravante il numero di volte con cui l’episodio si ripete, si considera invece attenuante l’atteggiamento di consapevolezza della mancanza a cui lo studente è incorso.

3. Le sanzioni disciplinari sono irrogate nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto delle Studentesse e degli Studenti. A parte i risarcimenti se dovuti e a parte i provvedimenti di allontanamento dalla comunità scolastica, allo studente è sempre offerta la possibilità di convertire la sanzione disciplinare in attività in favore della comunità scolastica, con il controllo da parte di un docente e/o personale ausiliario, in accordo con lo studente stesso e la famiglia.  

Regolamento per i genitori

  1. I genitori sono i primi responsabili dell’educazione dei figli e del loro cammino scolastico e, in quanto tali, trovano una collocazione qualificata all’interno della comunità educativa. Partecipano attivamente al progetto educativo stimmatino che costituisce terreno di dialogo, di confronto e di collaborazione. Gli organi collegiali sono gli strumenti che consentono loro di partecipare alla vita della scuola.
  2. I genitori sono tenuti al controllo del registro elettronico, del libretto personale e del diario dei propri figli, per verificare ogni comunicazione tra la scuola e la famiglia. Nell’ottica di una fattiva collaborazione tra scuola e famiglia ogni comunicazione e/o voto vanno regolarmente firmati.
  3. E’ vietato recapitare materiale scolastico ai propri figli. Sapersi organizzare e farsi carico anche delle proprie dimenticanze fa parte della crescita personale di ogni alunno.
  4. Durante l’attività scolastica ai genitori non è consentito accedere al corridoio delle aule, e tantomeno alle aule stesse
  5. Si ravvisa la necessità di grande sintonia e collaborazione tra scuola e famiglia, in modo da favorire negli alunni lo sviluppo della necessaria consapevolezza e maturità nell’uso dei potenti strumenti elettronici a disposizione dei ragazzi.

 Colloqui scuola-famiglia

  1. I genitori hanno il diritto e il dovere di incontrare i docenti per qualunque informazione sui propri figli. L’importanza e la regolarità dei colloqui con gli insegnanti permettono di seguire con efficacia la crescita degli alunni.
  2. Modalità di comunicazione:

 La richiesta del colloquio dovrà avvenire tramite richiesta scritta utilizzando il cedolino scaricabile dal sito internet dell’Istituto. In caso di difficoltà ad accedere ai colloqui negli orari indicati, i genitori possono eventualmente chiedere, attraverso la funzione messaggio sul registro elettronico e/o sul libretto personale e solo in caso di reale necessità, un colloquio fuori orario con i docenti interessati.

Il registro elettronico ha la funzione esclusiva di comunicazione da parte degli insegnanti e non sostituisce in alcun modo i colloqui personali dei genitori con i docenti.

Il registro e la posta elettronica non devono servire per richieste da parte delle famiglie di informazioni su compiti assegnati per casa, note o comunicazioni per le quali si deve colloquiare personalmente con il docente interessato.

I docenti consulteranno il registro e la posta elettronica quotidianamente  entro le ore 16.35 di tutti i giorni feriali, escluso il sabato, prendendo in considerazione ciò che verrà oggettivamente ritenuto meritevole di attenzione.

Altre modalità di comunicazione (cellulare) dovranno essere preventivamente autorizzate dal docente, concordate tra il medesimo e i genitori dell’allievo e comunque limitate a situazioni di reale emergenza riguardanti solo l'attività scolastica.

I colloqui con gli insegnanti avverranno durante l’ora di ricevimento o su appuntamento nei locali a ciò destinati.

  1. I genitori possono, per causa di forza maggiore delegare, in forma scritta, altra persona maggiorenne a rappresentarli o a farne le veci. È opportuno in questo caso darne comunicazione al coordinatore di classe, che ne informerà la Direzione.
  2. I genitori potranno richiedere copia delle verifiche scritte solo dopo averle visionate con il docente e previa richiesta scritta da presentare in Segreteria studenti; sarà cura della scuola effettuare le copie entro una settimana dalla ricezione della richiesta.  

Le Assemblee dei genitori.

  1. I genitori degli studenti di ogni classe costituiscono l’assemblea di classe dei genitori al cui interno viene eletto un rappresentante dei genitori per il consiglio di classe. Il rappresentante rimarrà in carica un anno.
  2. La convocazione dell’assemblea di classe dei genitori viene indetta dal rappresentante dei genitori eletti in tutti quei casi in cui si ritiene necessario confrontarsi in ordine allo svolgimento dell’azione educativa, all’andamento generale didattico e disciplinare della classe, allo svolgimento di particolari iniziative di carattere educativo.

Il rappresentante dei genitori, sentito il parere del coordinatore didattico e di classe, richiede formalmente al Direttore l’autorizzazione. Tale richiesta deve essere esplicativa di data, orario ed ordine del giorno. A tale assemblea possono partecipare con diritto il Direttore, il Coordinatore didattico (o chi lo rappresenta) ed il Coordinatore di classe. La seduta dovrà essere verbalizzata e il verbale dovrà essere depositato in segretaria.

  1. Normalmente la convocazione viene fatta, eccetto casi di necessità, dieci giorni prima attraverso notifica scritta.

Le Assemblee dei genitori e docenti.

  1. L’Assemblea dei genitori e docenti può essere relativa a una singola classe o a più classi oppure all’intera Scuola. Essa è luogo di approfondimento e di confronto sulle linee educative e verifica di iniziative e problemi di ordine generale. E' convocata dal Coordinatore didattico (o da chi lo rappresenta).
  2. I genitori hanno il dovere di partecipare a tutte le riunioni che riguardano direttamente o indirettamente loro e/o i loro figli.
  3. Compito dei Rappresentanti dei genitori è di costituire un efficace tramite tra Istituzione Scolastica e famiglia:
  • agevolando ed estendendo i rapporti tra docenti, genitori e studenti;
  • facendosi portavoce dei problemi generali e non di quelli particolari e personali di singoli genitori o alunni della classe;
  • portando suggerimenti e proposte emerse da precedenti assemblee di genitori in ordine allo svolgimento dell’azione educativa, all’andamento generale didattico e disciplinare della classe, allo svolgimento di particolari iniziative di carattere educativo, fatte salve le competenze del Collegio docenti e del Consiglio di classe;
  • partecipando ai consigli di classe nei quali è richiesta la loro presenza;
  • valorizzando le assemblee dei genitori che si svolgono in occasione delle consegne delle schede di valutazione.
  1. Le schede di valutazione saranno consegnate solo ai genitori o agli esercenti la patria potestà, o a terzi di ciò incaricati con delega scritta. Se un genitore è impossibilitato a presentarsi a tali appuntamenti, farà in modo di ritirare la scheda entro dieci giorni dal coordinatore di classe. Se, trascorso tale termine, la scheda non sarà ancora stata ritirata, l’alunno non verrà ammesso in classe se non dopo che il coordinatore abbia incontrato uno dei genitori.

Iscrizioni

  1. L’accettazione di ogni nuovo allievo viene effettuata dal Direttore o, su sua delega, dal coordinatore educativo-pastorale, dal Coordinatore didattico della scuola secondaria di primo grado. Le iscrizioni alla classe successiva alla prima non avvengono d’ufficio, ma attraverso la conferma personale di un genitore presso la Direzione della scuola entro il tempo stabilito (in assenza d’altre indicazioni, fine giugno).
  2. La Direzione si riserva di non accettare, per gli anni successivi, gli allievi che mostrassero una particolare insofferenza o resistenza alla linea educativa della scuola, liberamente accettata all’atto della iscrizione.
  3. Nel contempo la Direzione si riserva pure di non accettare per gli anni successivi o di dimettere in corso d’anno gli allievi i cui genitori avessero posto in essere atteggiamenti che implichino il venir meno del rapporto di stima e fiducia nei confronti della scuola. Fiducia e stima indispensabili alla stipula ed alla realizzazione del Patto Educativo richiesto dal Progetto Educativo d’Istituto per la permanenza degli alunni presso questa realtà educativa.

Regolamento per i viaggi d’istruzione

Premessa

I viaggi d’istruzione effettuati nel periodo scolastico non sono occasioni di pura evasione, ma si configurano a pieno titolo come iniziative integrative dell’attività didattica e del cammino educativo integrale. Fra i diversi obiettivi educativi affidati ai viaggi d’istruzione, trova particolare importanza la crescita nelle relazioni interpersonali e comunitarie degli allievi, sia con i compagni di classe/corso, sia con i docenti e gli educatori. I viaggi d’istruzione devono essere funzionali agli obiettivi educativi, cognitivi, culturali e didattici.

Qualunque mancanza disciplinare durante questa attività è considerata commessa entro l'ambito della Scuola e perciò soggetta ai provvedimenti disciplinari previsti dalla normativa ministeriale e dal Regolamento.

Data la forte valenza formativa, culturale e didattica delle iniziative, non si effettuano viaggi di istruzione se non viene assicurata la partecipazione di almeno l’ottanta per cento degli allievi delle classi coinvolte, “anche se è auspicabile la presenza pressoché totale degli alunni delle classi” (C.M. 291/92)..

Il Consiglio di Classe potrà decidere, previo confronto con la famiglia e l’allievo, di non ammettere al viaggio d’istruzione quegli studenti che non dessero affidabilità a livello disciplinare o della vita di gruppo.

Articolo 1

I viaggi d’istruzione si inseriscono in maniera organica nella programmazione d’inizio anno scolasti

co, in quanto essi costituiscono iniziativa complementare alle attività istituzionali della Scuola.

Articolo 2

Partecipano a un stesso viaggio di istruzione gli allievi di una o più classi compresi nella medesima fascia d'età, "sussistendo tra coetanei esigenze per lo più comuni" (C.M. 291/92).

Articolo 3

Il Collegio Docenti individua e propone al Consiglio di Direzione i criteri e le finalità generali da seguire nella programmazione dei viaggi di istruzione e delle uscite formative.

Il Consiglio di Classe programma le attività e gli obiettivi didattici, propone le mete, definisce il periodo e la durata, esamina gli aspetti organizzativi ed economici delle iniziative, valuta l’opportunità di escludere dalla partecipazione gli studenti che abbiano dimostrato scarsa affidabilità o scarso interesse didattico.

Il Consiglio di Direzione monitora le diverse fasi della programmazione, coordinando la realizzazione delle iniziative elaborate nei singoli di Consigli di Classe ed eventualmente le approva.

Il Consiglio della Scuola viene informato delle iniziative programmate ed esprime un parere consultivo.

Articolo 4

Nella scelta della destinazione, in ordine ai giorni di cui si dispone per l'effettuazione del viaggio, "è consigliabile seguire il criterio della maggior vicinanza della meta prescelta" (C.M. 291/92), curando, inoltre, "di diversificare le mete, in modo tale che accanto alle più note città d'arte (…) siano tenute presenti anche località minori parimenti ricche di patrimonio storico, artistico e culturale e, quindi, altrettanto rispondenti agli obiettivi formativi dei viaggi di istruzione in argomento" (C.M. 291/92).

Si eviterà, ordinariamente, di effettuare viaggi d’istruzione nell'ultimo mese di attività didattica, durante il quale l’impegno di allievi e docenti in modo più accentuato si indirizza al completamento dei programmi di studio, in vista anche della continuità delle lezioni (cfr. O.M. 132/90).

Per quanto riguarda la durata dei viaggi d’istruzione, si stabilisce quanto segue, salvo deroghe motivate dal Consiglio di Direzione sentito il Collegio Docenti.

Scuola secondaria di primo grado:

  • classe Prima : una o più giornate scolastiche senza pernottamento;
  • classe Seconda: una giornata scolastica o tre nel caso di attività in ambiente naturale tipo “Giornate verdi”;
  • classe Terza: tre giornate scolastiche con pernottamento;

Articolo 5

  1. Il Consiglio di Classe procede alla individuazione dei docenti disponibili come accompagnatori e, tra di essi, il docente che si farà carico degli aspetti organizzativo-didattici del viaggio.
  2. Il Consiglio di Direzione, accoglie l’indicazione e procede alla conferma dei docenti accompagnatori.

L'assunzione dell'incarico da parte di detti docenti comporta l'obbligo della sorveglianza assidua, attenta e responsabile degli alunni. In ogni caso il comportamento degli accompagnatori deve ispirarsi alla cautela di un soggetto: l’alunno di minore età, giuridicamente incapace.

Tale sorveglianza si deve intendere non solo a tutela dell'incolumità degli alunni, ma anche dell'ambiente e del patrimonio artistico. Quanto al numero, come da normativa ministeriale, esso va fissato, di norma, in rapporto di almeno un docente accompagnatore ogni quindici alunni.

Articolo 7

La scelta delle mete deve rispondere ad uno specifico progetto didattico coerente con il piano di lavoro annuale, e ciascuna iniziativa deve risultare qualificante sotto il profilo formativo e culturale. Ogni viaggio d’istruzione dovrà quindi essere adeguatamente preparato mediante lezioni, materiale informativo, incontri a carattere organizzativo programmati e condotti dai docenti. Gli allievi verranno coinvolti dai docenti nella preparazione del viaggio di istruzione e potranno rivestire il ruolo di “ciceroni” durante le visite. Alla fine di tale attività gli studenti condivideranno le loro impressioni secondo le modalità proposte da ogni singolo docente.

Nell’organizzazione si avrà riguardo al problema della sicurezza e della gestione del gruppo.

L’efficienza organizzativa deve pertanto garantire primariamente un profilo qualitativamente sicuro, in sintonia con gli obiettivi educativi della Scuola. In ordine a questo i docenti accompagnatori sono tenuti ad informare la Direzione della scuola sull’efficacia didattico-educativa dell’iniziativa e su eventuali inconvenienti verificatisi nel corso del viaggio. Sulla base di tale relazione sarà facoltà degli Organi Collegiali prendere i provvedimenti del caso.

"Si reputa opportuno rammentare che non possono essere chieste alle famiglie degli studenti quote di partecipazione di rilevante entità, tali da determinare situazioni discriminatorie" (cfr. D.M. 132/90).

Pertanto anche per l’Istituto l’aspetto economico deve costituire uno dei criteri determinanti per la scelta della meta, della durata del viaggio e della sistemazione logistica del soggiorno. La sobrietà estesa anche a questo settore può diventare una salutare testimonianza per i nostri giovani, in controtendenza con la diffusa cultura del consumo e dell'individualismo.

Per i viaggi di istruzione è previsto un contributo da parte dell’Istituto per le famiglie in difficoltà, sulla base delle disponibilità economiche della scuola. Tali casi vanno segnalati a Fratello Adriano

Articolo 8

La procedura per l’organizzazione e la gestione dei viaggi e delle gite di istruzione è la seguente:

1. Il Collegio Docenti individua e propone al Consiglio di Direzione i criteri e le finalità generali da seguire nella programmazione dei viaggi di istruzione e delle uscite formative.

2. Il Consiglio di Classe programma le attività e gli obiettivi didattici, propone le mete, definisce il periodo e la durata, esamina gli aspetti organizzativi ed economici delle iniziative, valuta l’opportunità di escludere dalla partecipazione gli studenti che abbiano dimostrato scarsa affidabilità o scarso interesse didattico; individua i docenti disponibili come accompagnatori e tra di essi il docente che si fa carico degli aspetti organizzativo-didattici del viaggio.

3. Il Consiglio di Direzione prende in esame le iniziative elaborate dai singoli Consigli di Classe ed eventualmente le approva, valuta ed accoglie le proposte relative ai docenti disponibili come accompagnatori.

4. Il Consiglio della Scuola viene informato delle iniziative programmate ed esprime un parere consultivo.

5. Il Docente incaricato degli aspetti organizzativi, in collaborazione con il Coordinatore didattico, procede a definire l’iniziativa nei dettagli e a informarne il Consiglio di Classe. Il coordinatore di classe acquisisce:

  • l’elenco degli alunni partecipanti;
  • il consenso scritto da parte dei genitori degli alunni  e a ritirare le quote di partecipazione;
  • il programma-diario del viaggio.

Tale documentazione viene archiviata in Segreteria.

6. La Segreteria contatta la ditta di trasporti responsabile dell'attuazione del viaggio d’istruzione; prepara e conserva i documenti relativi alla gestione economica e le polizze assicurative.

 

REGOLAMENTO USO IPAD IST. G. BERTONI

 

©2014 Istituto Gaspare Bertoni | Viale Cadore, 59 - 33100 Udine - Tel. (+39) 0432-408100 - Fax (+39) 0432-408297 - p.iva 00671830230

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi