Organi Collegiali | Liceo Bertoni

Organi Collegiali

ORGANI COLLEGIALI DEI LICEI PARITARI

CLASSICO – SCIENTIFICO – LINGUISTICO

Consiglio di Direzione

E’ l’organo di coordinamento della vita della scuola, che anima e orienta tutta l’azione educativo-scolastica attraverso il dialogo, la riflessione, la programmazione, la revisione e ri-progettazione. La sua azione di coordinamento è al servizio dell’unità del progetto educativo-scolastico.

E’ nominato dall’Ente gestore, ha funzione consultiva e rappresenta tutta la realtà scolastica nelle sue varie dimensioni.

E’composto dal Direttore della scuola, dal coordinatore educativo-pastorale, dal  coordinatore didattico e dai vice-coordinatori didattici.

E’ convocato e presieduto dal Direttore della scuola. Le sue sedute vengono regolarmente verbalizzate.

Il Consiglio di Direzione raccoglie e valuta le proposte di tutti gli organismi collegiali e dei singoli collaboratori scolastici (docenti e non docenti), le valuta,  le sottopone all’Ente Gestore per l’approvazione. In particolare, Il Consiglio di Direzione propone all’Ente Gestore orientamenti inerenti a:

  • l’assunzione del personale scolastico docente e non docente;
  • la composizione delle cattedre;
  • il calendario scolastico-formativo;
  • l’approvazione dei progetti scolastici annuali;
  • la composizione delle classi, dei corsi e dei relativi consigli;
  • nuovi percorsi di studio;
  • apertura di nuove sezioni;
  • revisione di modelli gestionali;
  • individuazione di ruoli e responsabilità;
  • l’acquisto di materiale didattico;
  • aggiornamento dei documenti scolastici (POF, Regolamenti…);
  • attività varie di promozione della scuola;
  • provvedimenti disciplinari di particolare rilevanza.

Le delibere e i principali temi di discussione del Consiglio di Direzione sono notificati pubblicamente nella scuola

Consiglio della scuola

Ogni ordine di scuola istituisce un proprio Consiglio della scuola, che va poi a formare il Consiglio riunito delle scuole Bertoni (alias Consiglio di Istituto).

Per quanto riguarda il Consiglio di scuola dei licei, esso è composto da:

  • Membri di diritto: il Direttore della scuola (che ne è il presidente),  il coordinatore educativo-didattico, il coordinatore educativo-pastorale, l’amministratore; se nella scuola è presente l’AGESC (Associazione Genitori Scuole Cattoliche), il responsabile dell’Associazione è membro di diritto della componente Genitori.
  • Membri eletti: i docenti coordinatori di classe; i rappresentanti dei genitori (uno per classe e/o classe articolata); i rappresentanti degli studenti (uno per classe e/o per classe articolata).

Il Consiglio è presieduto dal Direttore; vicepresidente è un rappresentante dei genitori, scelto tramite elezione tra i rappresentanti dei genitori nel Consiglio stesso; la sua carica è annuale.

Le sedute del Consiglio vengono regolarmente verbalizzate. Il Consiglio della scuola viene convocato dal Direttore-Presidente in caso di necessità. Il Consiglio della Scuola, fatte salve le competenze dell’Ente Gestore, del Consiglio di Direzione, del Collegio dei docenti e dei Consigli di classe, interviene con funzione consultiva su quanto concerne l’organizzazione della vita e delle attività dello specifico ordine di scuola nelle materie seguenti:

  • proposte di modifica del regolamento interno dell’Istituto;
  • adattamento del calendario scolastico alle specifiche esigenze;
  • criteri per la programmazione e l’attuazione delle attività extrascolastiche, con particolare riguardo alle libere attività complementari, alle visite guidate e ai viaggi di istruzione;
  • proposte di partecipazione ad attività culturali, sportive e ricreative di particolare interesse educativo;
  • criteri generali relativi all’adattamento dell’orario delle lezioni e delle altre attività scolastiche;
  • analisi dell’andamento generale educativo-didattico.

Nota: per gli altri ordini di scuole, nei membri di diritto indicare non il coordinatore didattico, ma il vicecoordinatore specifico di quell’ordine di scuola.

Consiglio riunito delle scuole (o di istituto)

E’ l’organo che riunisce i singoli Consigli dei vari ordini di scuola per la gestione unificata delle scuole. È  convocato e presie­duto dal Direttore della scuola in qualità di Presidente; è composto da tutti i membri di diritto e membri eletti dei singoli Consigli delle scuole, più i rappresentanti del personale non docente. È convocato su richiesta del Direttore su tematiche di interesse generale e comunitario dell’intero istituto, per una gestione armonica e integrata dei vari ordini di scuole. Il vicepresidente è un genitore, eletto annualmente dal Consiglio riunito tra i rappresentanti dei genitori presenti nel Consiglio riunito stesso. Le sue sedute vengono regolarmente verbalizzate.

Giunta esecutiva

Essa è convocata da parte del Direttore della scuola, che la presiede, in forma unitaria per tutti gli ordini di scuole; risulta composta dal Consiglio di Direzione, dai rappresentanti dei genitori eletti nei vari consigli di scuola e dal Comitato esecutivo del Consiglio degli studenti.

Essa assume delibere, sottoposte in seguito per l’approvazione all’Ente Gestore, soprattutto in merito al comodato d’uso dei libri di testo, ma può esprimere pareri e proposte anche su altre tematiche di interesse educativo e organizzativo dell’istituto. Le sue sedute vengono regolarmente verbalizzate.

Collegio docenti

E’ composto da tutti i docenti dell’ordine di scuola di appartenenza, includendo sia i docenti assunti a tempo indeterminato, sia quelli assunti a tempo determinato. Il Direttore della scuola e il Coordinatore educativo-pastorale partecipano alle riunioni del Collegio Docenti facendosi garanti dell’unità d’indirizzo per i diversi settori dell’opera. Ai sensi dell’articolo 2 del DM 83/2008, il Direttore è il «garante dell’identità culturale e del progetto educativo della scuola, ed è responsabile della conduzione dell’istituzione scolastica nei confronti degli studenti, delle famiglie, della società e dell’Amministrazione.»

E’  convocato e presieduto dal coordinatore educativo-didattico, che ne guida i lavori; le sue sedute vengono regolarmente verbalizzate da un docente del Collegio. Ha funzione consultiva, affidando le sue proposte, orientamenti e delibere all’Ente Gestore per l’eventuale approvazione e applicazione. In caso di parità di voto, prevale il voto espresso dal Presidente (Coordinatore educativo-didattico).

Cura la programmazione degli orientamenti educativi e didattici nei loro momenti di discussione, proposta  e verifica in coerenza col Progetto Educativo di Istituto e con gli orientamenti dell’Ente Gestore.

Lavora per l’effettiva creazione della comunità umana e professionale degli insegnanti.

In particolare, il Collegio dei Docenti, nel quadro dei principi ispiratori e delle norme proprie della scuola (soprattutto Progetto Educativo di Istituto), esprime proposte e pareri relativi a:

  •  la formulazione annuale e realizzazione dell’offerta formativa e programmazione ed organizzazione dell’attività didattico – educativa (elaborazione-aggiornamento del Piano dell’Offerta Formativa alias POF)
  • il funzionamento didattico della scuola;
  • l’adeguamento e aggiornamento dei programmi e dei metodi di insegnamento;
  • la definizione dei criteri generali di valutazione, di ammissione-non ammissione al successivo anno scolastico, di attribuzione del credito scolastico;
  • la proposta di forme di recupero degli allievi in difficoltà;
  • il monitoraggio dell’efficacia delle forme di recupero;
  • l’attivazione di corsi di potenziamento e/o di offerta didattica integrativa extracurricolare;
  • l’adeguamento alle esigenze della scuola del curricolo degli studi e del quadro orario delle discipline;
  • l’adozione dei libri di testo;
  • la concessione di deroghe per alunni che superino il 25% di assenze sul monte orario annuale di lezione;
  • la promozione di iniziative di sperimentazione, di aggiornamento, di ricerca, partecipazione a progetti specifici;
  • l’elaborazione del calendario scolastico e la formulazione dell’orario delle lezioni
  • i criteri educativi-culturali ed organizzativi generali delle visite di istruzione.

Consiglio di classe

Esso è composto da tutti i docenti della classe (sia assunti a tempo indeterminato, sia assunti a tempo determinato), dal Coordinatore educativo-didattico, che lo convoca, presiede e ne guida i lavori, con diritto di voto (in caso di parità di voto, prevale l’orientamento espresso dal Presidente); possono parteciparvi il Direttore della scuola e il Coordinatore educativo-pastorale, i quali tuttavia, in caso di votazione per le classi in cui anche non insegnino, non hanno diritto di voto, ma solo di intervenire e avanzare loro osservazioni e proposte; vi fanno altresì parte un rappresentante per classe (e/o interclasse) dei genitori e due rappresentanti di classe (e/o interclasse) degli studenti. Le sue sedute vengono regolarmente verbalizzate dal docente coordinatore di classe.

La componente genitori e studenti non è in genere convocata nei consigli di classe in cui si discuta di programmazione didattico-educativa del consiglio di classe, mentre non lo è mai in sede di scrutini intermedi e finali. In sede di scrutinio, il consiglio di classe si configura come collegio perfetto: pertanto non è ammessa l’astensione dal voto e ogni membro eventualmente assente deve essere sostituito, su nomina del Coordinatore educativo-didattico, con un altro docente, possibilmente (ma non in modo vincolante) di disciplina affine. In caso di propria assenza, il Coordinatore educativo-didattico può delegare la presidenza del consiglio al docente coordinatore di classe.

Il consiglio di classe, nel rispetto dei ruoli degli altri Organi collegiali della scuola, si occupa di:

  • agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed allievi;
  • favorire e verificare l’attuazione del progetto educativo a livello di classe;
  • programmare l’attività didattica ed educativa della classe in coordinamento con il Consiglio di Direzione e con il Collegio dei Docenti;
  • procedere alla valutazione periodica e finale degli alunni;
  • verificare periodicamente l’efficacia della sua azione didattico – educativa e cercare eventuali mezzi migliorativi;
  • valutare la validità didattico – educativa di iniziative extrascolastiche riguardanti la classe;
  • esercitare le competenze in materia di programmazione didattica, valutazione e sperimentazione;
  • discutere proposte da presentare al Consiglio di Direzione e al Collegio Docenti riguardanti le azioni educative e didattiche ed iniziative di sperimentazione;
  • valutare eventuali mancanze degli alunni e adottare provvedimenti disciplinari nel rispetto delle competenze del Consiglio di Direzione (nello specifico, per i provvedimenti disciplinari di maggiore gravità, superiori cioè all’avvertimento scritto e/o orale, il Consiglio di Direzione deve sempre essere preventivamente avvertito dal docente coordinatore di classe o anche direttamente, in caso di urgenza, dal docente che abbia ravvisato la mancanza disciplinare oggetto del provvedimento);
  • accogliere proposte e osservazioni che provengano da genitori e studenti.

I genitori, che si esprimono attraverso il proprio rappresentante, si riuniscono periodicamente in una specifica assemblea dei genitori, convocata in concomitanza coi i consigli di classe allargati alla componente genitori e studenti o anche in altre occasioni, su richiesta scritta da parte del rappresentante dei genitori nel consiglio di classe. L’assemblea dei genitori discute di problematiche e proposte di carattere educativo, didattico, disciplinare e organizzativo inerenti alla classe frequentata dai propri figli, e su queste materie può esprimere pareri e osservazioni, nel rispetto della titolarità delle competenze specifiche didattiche, che sono proprie dei docenti, e degli altri organismi di governo della scuola. L’assemblea dei genitori di classe, ancora, elegge il proprio rappresentante nel consiglio di classe e nel consiglio della scuola (di durata annuale).

Gli studenti, che si esprimono attraverso i propri rappresentanti, si riuniscono periodicamente e in orario curricolare del mattino in una specifica assemblea studentesca di classe, convocata tramite richiesta scritta avanzata al docente coordinatore di classe e al Coordinatore educativo-didattico. I lavori dell’assemblea si possono svolgere, soprattutto nel primo biennio, sotto la supervisione di un docente; le sedute di detta assemblea devono essere regolarmente verbalizzate a cura di uno studente. L’assemblea studentesca di classe elegge i propri rappresentanti nel consiglio di classe (due per classe e/o interclasse) e nel consiglio della scuola (uno per classe e/o interclasse), entrambi di durata annuale. L’assemblea studentesca di classe, oltre a esercitare il diritto elettorale appena descritto, può discutere di problematiche educative, disciplinari e didattiche della classe e avanzare proposte, osservazioni e pareri in merito ad esse, nel rispetto della titolarità delle competenze specifiche didattiche, che sono proprie dei docenti, e degli altri organismi di governo della scuola.

Consiglio degli studenti

Esso  è composto dai rappresentanti delle varie classi eletti per il consiglio della scuola, dagli studenti eletti per la Consulta Provinciale degli studenti, dal Direttore della scuola, dal Coordinatore educativo-pastorale e dal Coordinatore educativo-didattico (questi ultimi due, tuttavia, possono anche non prendere parte al Consiglio degli studenti).

Il Consiglio elegge un proprio Presidente, un vice-presidente e un Segretario, che costituiscono l’Esecutivo (esso ha diritto di rappresentanza nella Giunta Esecutiva).

Il Consiglio è convocato di norma dal Direttore. La sua convocazione può essere richiesta anche dallo studente Presidente eletto, previa domanda scritta di autorizzazione al Consiglio di Direzione con data, ordine del giorno e motivazioni.

Il Consiglio degli studenti discute problemi, elabora progetti e matura proposte riguardanti  l’organizzazione, la qualità  e l’innovazione della vita della scuola (in particolare affronta gli aspetti organizzativi delle assemblee studentesche di istituto, della festa scolastica di fine anno denominata Festa di San Gaspare). Tutti i membri del Consiglio hanno diritto di voto; in caso di parità, prevale il voto del Presidente. Le sue sedute vengono regolarmente verbalizzate a cura del segretario.

Organo di Garanzia

Esso è composto dal Direttore della scuola, dal Coordinatore educativo-pastorale, dal Coordinatore educativo-didattico, dal docente coordinatore della classe interessata, dal rappresentante dei genitori e dal rappresentante degli studenti eletti nel Consiglio della scuola per la classe interessata. Detto Organo è l’istituzione a cui uno studente (solo se di maggiore età) e/o la sua famiglia possono appellarsi avverso i provvedimenti disciplinari più pesanti (sospensione o allontanamento dall’istituto) assunti dal Consiglio di Classe e dal Consiglio di Direzione.

Altri spazi di rappresentanza studentesca

Tutti gli studenti dei licei eleggono, con cadenza biennale, due rappresentanti nella Consulta Provinciale degli Studenti. Tutti gli studenti sono candidabili ed eleggibili; i candidati devono ufficializzare la propria candidatura per iscritto al Coordinatore educativo-didattico, il quale, sentito il Consiglio di Direzione, in casi eccezionali e motivati può non accettare qualcuna di queste candidature. Le modalità di voto si ispirano ai principi di segretezza e controllo pubblico; le operazioni di scrutinio e verbalizzazione avvengono a cura di tre studenti scelti dal Coordinatore educativo-didattico. Il nominativo degli eletti è reso pubblico tramite affissione nell’aula denominata “Angolo dello studente”.

Gli studenti dei licei dispongono di un proprio spazio di riunione, discussione, aggregazione, dibattito culturale, consistente nell’aula denominata “Angolo dello studente”, al cui interno sono autorizzate solo le attività di cui sia stata data informazione al Coordinatore educativo-didattico e, tramite questo, all’Ente Gestore.

Tutti gli studenti dei licei si possono riunire, per un numero massimo di due volte per anno scolastico, in Assemblea studentesca di istituto. Essa è convocata previa richiesta scritta avanzata dai membri del Consiglio degli studenti, con indicazione della tematica che si intenda affrontare, dell’eventuale personale esterno esperto in materia, del periodo indicativo di svolgimento dell’assemblea. L’autorizzazione dell’assemblea è vincolata al parere del Collegio docenti e del Consiglio di Direzione, i quali hanno altresì diritto di intervenire circa temi trattati e relatori ammessi a parlare. Le tematiche affrontate devono essere selezionate sentito il parere dell’intera popolazione studentesca, anche solo tramite i propri rappresentanti eletti; in genere si cercano di valorizzare, in questa sede, aspetti di carattere educativo, sociale, affettivo, psicologico e culturale di particolare interesse per il mondo giovanile studentesco.

L’Assemblea studentesca di istituto si svolge in orario curricolare e pertanto la presenza ad essa degli studenti è obbligatoria come per qualunque altra attività educativa e didattica; durante l’Assemblea gli insegnanti in servizio garantiscono la sorveglianza e il regolare svolgimento dei lavori.

 

RAPPRESENTANTI DEI GENITORI IN CONSIGLIO DELLA SCUOLA/D’ISTITUTO A.S. 2018-2019

CLASSE Rappresentante
1^LL CRISCUOLO Nina
2^LL MONTENUOVO Annachiara
3^LL CROATTINI Maurizio
1^LC CRISCUOLO Nina
2^LC MONTENUOVO Annachiara
3^LC VANTAGGIATO Marcello
4^LC non eletto
5^LC COELHO Carolina
1^LS GIANESINI Nicoletta
2^LS FABRO Onorina
3^LS CAPRIOLI Marcella
4^LS BUFFON Sabrina
5^LS GENNA Giuseppe

RAPPRESENTANTI DEI GENITORI IN CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2018-2019

CLASSE Rappresentante
1^LL MEDIOLI Francesca
2^LL PAGANI Gioia Cristina
3^LL CONTESSI Milvia
1^LC MEDIOLI Francesca
2^LC PAGANI Gioia Cristina
3^LC D’ANTONI Tania
4^LC non eletto
5^LC BRACCA Antonella
1^LS BOTTO Francesca
2^LS ZOCCOLO Donatella
3^LS BATTAGLIA Andrea
4^LS GARELLI Eligio
5^LS ZANUTTA Chiara

RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI IN CONSIGLIO DELLA SCUOLA/D’ISTITUTO A.S. 2018-2019

CLASSE Rappresentante
1^LL Abu Qatarieh Maria Noor
2^LL Rovere Leonardo
3^LL Giunchi Massimiliano
1^LC Abu Qatarieh Maria Noor
2^LC Rovere Leonardo
3^LC De Nardi Lisa
4^LC
5^LC Zamparutti Edoardo
1^LS Bini Lorenzo
2^LS Santi Federico
3^LS Mariuzza Ludovica
4^LS
5^LS Diasparra Francesco

RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI IN CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2018-2019

CLASSE Rappresentanti
1^LL Frappa Giada Nicole
2^LL Marinutti Michele
3^LL Lodolo Margerita, Di Bernardo Gaia
1^LC Marchesin Rossella,
2^LC Tomè Eric
3^LC Demitri Alice, Rodaro Lucrezia
4^LC Buiatti Ludovica
5^LC Lucca Maria Paola, Fadini Marianna
1^LS Garzitto Gaia, Valoppi Matteo
2^LS Rampino Cordaro Giorgia, Simeoni Filippo
3^LS Scaravetto Sara, Specogna Sofia
4^LS Caporale Andrea
5^LS Virgili Vittoria, Gasparin Tiziano, Marzocco Giorgia

©2014 Istituto Gaspare Bertoni | Viale Cadore, 59 - 33100 Udine - Tel. (+39) 0432-408100 - Fax (+39) 0432-408297 - p.iva 00671830230

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi